Cosa basta?

21 maggio 2012 § Lascia un commento

La calamita e l’ambra, tra le sostanza note, sembravano le sole a rivelare a metà quei segreti che nessuno aveva ancora esplorati e che un giorno forse avrebbero chiarito tutto. Il gran merito della magia, e dell’alchimia sua figlia, era di postulare l’unità della materia a tal segno che certi filosofi dell’alambicco avevano creduto di poterla assimilare alla luce e al fulmine. Ci si avviava così in una direzione che conduceva lontano, ma di cui tutti gli adepti degni di questo nome riconoscevano i pericoli. Le scienze meccaniche di cui Zenone si era molto interessato, si apparentavano a quelle ricerche in quanto miravano a trasformare la conoscenza delle cose in potere sulle cose, e indirettamente sull’uomo. In un certo senso tutto era magia: magia la scienza delle erbe e dei metalli che permette al medico di influenzare la malattia e il malato; magia la malattia stessa che si impossessa del corpo e da cui questo talvolta non vuole guarire; magico il potere dei suoni acuti o gravi che perturbano l’anima o al contrario la placano; magia soprattutto la virulenta potenza delle parole quasi sempre più forti delle cose, la quale spiega le asserzioni del Sepher Yetsira, per non dire del Vangelo Secondo Giovanni. Il prestigio che circonfonde i prìncipi e che emana dalle cerimonie di chiesa è magia, è magia i neri patiboli e i lugubri tamburi delle esecuzioni che affascinano e atterriscono i curiosi ancor più delle vittime. Magici infine l’amore, e l’odio, che imprimono nei nostri cervelli l’immagine di un essere dal quale acconsentiamo a lasciarci ossessionare.

[Marguerite Yourcenar, L’Opera al Nero]

E si dice che leggere non basta. Cosa basta?

Sarà Mago

20 giugno 2010 § Lascia un commento

Io non lo so chi era davvero Saramago. Però un caffè insieme a lui, balbettando in chissà quale lingua di mezzo improbabile, me lo sarei bevuto volentieri.
Fra le poche pagine che ho letto, scritte di suo pugno, ho trovato soprattutto parole e discorsi che seguitavano a rincorrersi fra loro.

Mi sono sentita piuttosto sola con i libri di Saramago.
Vi ho partecipato poco, o sono stata tenuta a distanza. Più probabile che a fatica vi sia entrata, ma solo per sbirciare dal finestrino della sala parto, e che avrei dovuto premere più forte per vedere sgorgare il latte.

Certo è che non ho smesso di leggere, ché sono stata trascinata fino alla fine, da una liana invisibile. Sul corridoio di luce diretto al tesoro che giace umido sotto la terra fredda e buia.
Tant’è.

Magia.

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag magia su opzioniavariate.