Cambiare panchina

9 settembre 2013 § Lascia un commento

Siamo tutti più egoisti di quanto sembri.
Diamo il meglio di noi stessi per stare bene e quando facciamo stare bene gli altri ci sembra di strafare.

Abbiamo una casa condivisa, non ci vive nessuno davvero, a parte i pesci e un gatto che se ne è andato quando il meglio doveva ancora venire. Era stanco di aspettare, non tutti hanno la pazienza per raccogliere i frutti dell’autunno. O di aspettare 5 anni, prima di realizzare un desiderio che alla lunga corre pure il rischio di sbiadire.
La nostra casa è ancora là: si riempie il venerdì sera, e in certi sabati non si svuota mai, quando non sappiamo che altro fare se non stare lì, a raccontarci come è andata – come è andato cosa? – mah la giornata, la mattina – ma se ci siamo visti ieri – buona, era per fare conversazione!
È in queste sere, banali fino al midollo, che le persone con cui stare divengono il vero motivo dello stare e un luogo benedetto in cui farlo è fortuna. E catena.
Fortuna, certo – avercela una casa dove stare con i tuoi amici quando vuoi e per tutto il tempo che vuoi – ; catena però – perché siamo sempre gli stessi amore e io mi annoio, usciamo ti prego, vediamo se c’è qualcosa, da qualche parte, chenneso andiamo al circolone.

Credo sia in questo stare bene privato, in un posto comunitario ma solo per noi, che affonda le radici il bisogno irrefrenabile di stare con gli altri, in un posto per gli altri. Forse lo spazio che 26per1 aprirà non è altro che l’evoluzione di uno stare che ci ha stancati, perché stare da soli, con tutti i tuoi amici, non è più abbastanza. Forse invece è lo stare stesso che stanca, che dopo un po’ uno ha bisogno di cambiare aria, che la monotonia è contagiosa e finisce per annoiare anche chi ti sta intorno.

Quanto a me, io non amo stare da nessuna parte.
Mi piacciono le panchine. Dove stare per un po’ e poi via. Ma il sapere che comunque vadano le cose, c’è un posto dove fermarsi, dove passare a salutare, mi fa stare bene. Se poi in questo posto, finalmente, posso incontrare qualcuno che non conosco, è un po’ come cambiare panchina e stare da un’altra parte.

L’ho detto io.

Siamo molto più egoisti di quanto sembri.

[Letto in occasione dello Slam! poetry di Sabato 7 Settembre, Paesaggi Sonori.]

Annunci

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Cambiare panchina su opzioniavariate.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: