topi

9 ottobre 2009 § Lascia un commento

non sai perché, ma si chiude
il diaframma, lo spiraglio di luce, lo spettro di possibilità
e io mi sento solo sola a tenere aperte le porte dell’ascensore
con la fatica di chi spinge ed è respinto
spinge ed è travolto
spinge ed è come fosse in panciolle

passateci sopra, il tempo consola
passatemi sopra, come sulle strisce pedonali

mi chiudono dentro la metro gialla che da porta romana si scontra col duomo
ne esco a fatica, frastornata dal dubbio di un guasto inventato,
una città onnipresente e mai nota, un parcheggio che chiude
si chiude il mirino del mio occhio stanco
lo stringo sparando lacrime solide all’invasore guardingo

al semaforo topi di notte scorrono sotto il mio umore radente
qui
dove non cambia mai niente

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo topi su opzioniavariate.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: