i pronomi naufraghi

5 novembre 2008 § Lascia un commento

che non riesco a pensare le storie senza i luoghi. gli ancoraggi degli articoli determinativi che si impigliano nei nostri polsi, come le graffette della pinzatrice. niente, non è niente. mi sono scottata col forno. grigliata le mani. mentre mi dicevo metti quello là, questo qui. mettimi di là. che mi riposo sdraiata. colpa dei pronomi naufraghi. senza gli appigli degli avverbi di modo.
che modi.

e oggi piove da un giorno.
che è un anno e un giorno che sono nuova e insicura.
con la fontanella aperta al centro del cranio. come i dinosauri.
gli uccellini dei nidi visti dall’alto.che urlano al cielo.
per la luce negli occhi.
colpa sua. se abbaglia.

sbaglio e sbadiglio.

e magari nemmeno ti vedo, con l’erba alta e il sole di novembre.
un anno fa c’era un sole che levati.

ed era pure domenica.
con la 133 l’università sarà sempre di domenica.
chiusa.
o solo di domenica.

non mi dimentico, nemmeno di domenica.

Annunci

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo i pronomi naufraghi su opzioniavariate.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: